La rivoluzione mobile era già in atto dal un bel pò, ma adesso è ufficialmente arrivata al culmine. Google ha dichiarato che presto posizionerà i siti web a partire dalla versione mobile.

La rivoluzione mobile era già in atto dal un bel pò, ma adesso è ufficialmente arrivata al culmine. Google ha dichiarato che presto posizionerà i siti web a partire dalla versione mobile.
In parole povere significa che quello che conta è farsi trovare sul telefonino, il desktop viene dopo.
Per le strutture ricettive si prepara quindi una nuova sfida:  riuscire a convertire ed essere efficaci soprattutto sul mobile.

Indicizzazione mobile-first: che cosa significa e cosa implica
“Oggi la maggior parte della gente fa ricerche su Google utilizzando un dispositivo mobile. Detto questo, i nostri sistemi di indicizzazione ancora guardano tipicamente alla versione desktop di una pagina di contenuto per definire la sua rilevanza agli occhi dell’utente. Questo può creare dei problemi quando la versione mobile ha meno contenuto, perché i nostri algoritmi non sono in grado di valutare la vera pagina vista dall’utente. Ecco perché, per rendere i nostri risultati più efficaci, abbiamo cominciato a sperimentare un’indicizzazione mobile-first. Anche se il nostro search index continuerà ad essere uno soltanto per siti e applicazioni, alla fine i nostri algoritmi useranno la versione mobile di un sito per posizionare le sue pagine.” (fonte: Google Webmaster Central Blog)

Quello che Google sta dicendo è che oggi il mobile conta molto più del desktop, perché tutte le azioni degli utenti, dalle ricerche agli acquisti, si stanno spostando massicciamente su smartphone. Se non fosse così, Google non si sarebbe spinto tanto in là da voler dare più peso alle pagine mobile di un sito rispetto a quelle desktop.

Sviluppare un’indicizzazione mobile-first vuol dire ripensare daccapo l’intero processo, secondo criteri e fattori di posizionamento forse del tutto nuovi. Questo significa mobile-first: disegnare un prodotto a partire dalla versione mobile, come se il desktop non esistesse nemmeno. Pensare e sviluppare secondo criteri di usabilità tutti mobile.

Per gli hotel e le altre attività che vendono online, significherà riconsiderare completamente la struttura del proprio sito e il processo di acquisto offerto all’utente. Foto leggerissime, contenuti asciutti ed efficaci, booking engine per prenotare in pochi clic.

Come affrontare la rivoluzione
Il nuovo algoritmo andrà online a breve ma nel frattempo Google snocciola una serie di suggerimenti utili anche per l’hotel. Noi vi consigliamo di prendere appunti e di discuterne con la vostra agenzia web:

  1. Per stare al riparo dai problemi, la cosa migliore è adottare un sito in uno di questi due formati:
    • Responsivo: un solo sito che si adatta alle dimensioni dello schermo da cui è visualizzato
    • Adattivo: un sistema che mostra la versione del sito desktop, mobile o tablet a seconda dello strumento usato
  2. Assicuratevi che il sito sia stato ottimizzato con i dati strutturati, ossia un codice standard che aiuta i motori di ricerca come Google e capire meglio i contenuti delle pagine
  3. Se avete due versioni distinte del sito dell’hotel, una desktop e una mobile, assicuratevi di aggiungere alla Search Console entrambi i siti, in modo da poter verificare l’indicizzazione e gli eventuali errori. La Search Console è uno strumento gratuito di Google per verificare la proprietà del sito e per monitorare la sua presenza sui risultati di ricerca.

Condividi