Internet costituisce sempre piů una fonte privilegiata per la ricerche di informazioni relative a viaggi, prenotazioni di strutture ricettive e acquisti di voli. Come conseguenza

Internet costituisce sempre piů una fonte privilegiata per la ricerche di informazioni relative a viaggi, prenotazioni di strutture ricettive e acquisti di voli. Come conseguenza, il turismo sta rappresentando con sempre maggiore evidenza l’attivitŕ on line con maggiori tassi di crescita. Essere facilmente rintracciati in Internet e attraverso i motori di ricerca č quindi diventata un’esigenza per gli operatori del settore (strutture di soggiorno, compagnie di volo low cost e carrier tradizionali, agenzie turistiche solo on line etc.), che utilizzano ormai con sistematicitŕ e in maniera esponenziale le modalitŕ tipiche di pubblicitŕ in rete, in particolar modo il keyword advertising, ovvero posizionamento a pagamento sui motori di ricerca. Overture, leader mondiale nell’offerta di servizi commerciali di ricerca in Internet, comparando i dati del primo quadrimestre 2005 con lo stesso periodo del 2004, ha rilevato infatti un incremento dell’80% nel numero dei clienti e del 166% in termini di revenue relativamente agli investimenti in search advertising effettuati da aziende del settore del turismo. “Queste crescite, assolutamente straordinarie, sono certamente motivo di soddisfazione per Overture Italia e dimostrano il grande potenziale che il mercato dell’advertising on line offre al settore del turismo, per noi uno dei segmenti diventati strategici perché presenta ritmi di crescita particolarmente sostenuti”, ha commentato Francesco Barbarani, Executive Director di Overture Italia. “Dato il costante aumento di utenti che si avvalgono della rete per effettuare ricerche e prenotazioni, riscontriamo una grande attenzione da parte degli operatori del settore turismo verso i servizi commerciali di ricerca in Internet, concepiti come strumenti di pubblicitŕ on line per offrire visibilitŕ a siti aziendali, a offerte promozionali o ad attivitŕ di e-commerce”. “La tipologia di investitori in questo segmento č costituita sia da grandi aziende sia da piccole imprese, ma sono soprattutto queste ultime che possono usufruire di una forma di advertising a loro congeniale perché caratterizzata da prezzi veramente contenuti”, ha continuato Barbarani. “Altro fattore che ha dato ragione degli investimenti effettuati č stata la possibilitŕ di misurarne il ritorno. La politica del pay per click č risultata vincente poiché ha dimostrato agli investitori in maniera evidente l’aumento di traffico sul sito generato dai servizi di search advertising e, di conseguenza, quanto la semplice visita si sia poi trasformata in reale volontŕ di acquisto/prenotazione”. Il search advertising č una forma di pubblicitŕ di grande efficacia ma anche caratterizzata da costi contenuti: l´inserzionista paga solo per i click effettivamente registrati sui propri link sponsorizzati, con una spesa minima di pochi centesimi di euro per click. La misurazione del ritorno nell’investimento delle campagne di pubblicitŕ on line avviene con un monitoraggio quotidiano delle performance e garantisce all’investitore la presenza ai primi posti nelle ricerche in rete.

Condividi