Virgilio chiude, o meglio continuerà ad essere quello per cui era stato creato 10 anni fa, ovvero un motore di ricerca inglobato all´interno di un nuovo portale che si

Virgilio chiude, o meglio continuerà ad essere quello per cui era stato creato 10 anni fa, ovvero un motore di ricerca inglobato all´interno di un nuovo portale che si chiamerà Alice. Ma c´è un piccolo problema: Virgilio tende a dar gli stessi risultati di Google, avendo stretto una partnership con il motore americano; dunque che motore di ricerca sarebbe Virgilio, un semplice clone? Ma magari verrà rivisto, per il momento non si sa ancora... Lo avevamo già scritto, appena abbiamo appreso la notizia, nelle nostre news (http://www.webmasterpoint.org/news/Clamoroso-Virgilio-chiude-rimarr-solo-Alice_p18060.html). Ora, dopo qualche giorno e l´intervento di Ramon Grijuela, Amministratore Delegato di Matrix, società che controlla Virgilio e responsabile broadband content development di Telecom Italia Wireline, nel corso della Iab Forum, il convegno di Internet Advertising Bureau Italia di Milano, iniziano ad essere disponibili nuove notizie sul progetto di Telecom Italia. L´idea di base è quella di includere all´interno di un unico mega portale tutte le attività del gruppo Telecom, facendo confluire al suo interno i contenuti televisivi, musicali, di intrattenimento che sono presenti nell´attuale Rossoalice.it insieme ovviamente alla vendita di connettività quale l´Adsl; sicuramente più avanti -aggiungiamo noi- il voice over ip. Non è una strategia sbagliata: Telecom Italia sta cercando di unire sotto un unico cappello tutte le sue attività e prodotti Internet. Inoltre, da ricerche di mercato sembrerebbe che il marchio Alice, grazie al tam-tam pubblicitario, sia oggi più conosciuto dai cosiddetti utenti neofiti rispetto al brand Virgilio che da ben 10 anni è presente in rete (lo scrive anche nel suo articolo Computer World Online . Infatti, il caro vecchio Virgilio (vi ricordate la pubblicità con il vecchietto, "il bello di Internet "?) dicono sempre le statistiche di marketing, è conosciuto ed utilizzato dagli utenti già più evoluti di Internet e a Telecom questo non puà bastare, in un progetto che vorrebbe far confluire in modo organico TV, Internet e Telefonia. Internet, hanno pensato ai vertici marketing di Telecom Italia, ha una penetrazione, soprattutto per motivi culturali, molto inferiore a quello che potrebbe essere una Tv interattiva portata nelle case degli italiani attraverso l´Adsl (vedi Fastweb). In parte potrà essere vero, ma occorre ricordare bene una cosa (ed è la mia prima critica costruttiva al nuovo progetto Alice.it): da numerosi sondaggi Internet viene vista dalle nuove generazioni italiane (fino ai 35 anni) come qualcosa di diverso e, sottolineo, migliore delle televisione. Vogliamo prendere il pubblico dei 40-70 anni? Attenzione a non perdere quello dei più giovani, che in pochissimo tempo diverranno la maggioranza. La TV su Internet negli Stati Uniti non ha avuto grande grande successo. La gente usa il computer ed Internet per fare determinate attività ludiche o lavorative, non per vedere i film. C´è la televisione per quello. Infatti il progetto di usare l´Adsl, magari con una box da collegare alla Tv in stile Video Station di Fastweb, per convogliare contenuti video e di intrattenimento (pensate ai vidoegiochi Xboxo PlayStation 2/3) non sarebbe sbagliato, ma farli vedere su un monitor di computer, attualmente, è una scelta che si potrebbe rivelare limitante, se non completamente sbagliata. Portali come Yahoo.com, negli Stati Uniti, trasmettono in diretta sul web video di spettacoli, concerti, eventi sportivi, soprattutto in real time e talvolta anche a pagamento ma sono solo una tantum del loro servizi offerti, che sono soprattutto di informazione. E qui, il nuovo Alice potrebbe cadere in un altro errore ( ecco la mia seconda critica costruttiva al nuovo progetto Alice.it ): dimenticare i contenuti che in virgilio bene o male c´erano e ch sono il "sale", uno dei principi costituenti di Internet. Non li dimenticheranno, come hanno già affermato durante la conferenza stampa dello IAB, anche perchè, aggiungo io, perderebbero qualche centinaia di migliaia di euro di pubblicità. Ma l´errore è quello di non aver detto che li potenzieranno, in primis l´informazione di tutti i tipi (news, borsa, salute, glamour, sport, tecnologia) che è quello che vuole la gente, anche perchè quelli attuali di Virgilio possono essere notevolmente migliorati. Repubblica.it e Corriere.it, fornendo contenuti e interatività (vedi concorsi, blog, radio online, forum tematici) continuando a macinare record su record di visitatori unici mensili, mentre i grandi portali tra qualche faranno molta fatica ad avere gli stessi utenti che hanno attualmente. E lo sapete perchè? Perchè, ritornando al discorso degli utenti più esperti che conoscono il brand Virgilio e non Rossoalice, c´è un errore di fondo di analisi dell´utenza internet italiana. Chi utilizza RossoAlice appena comprata l´Adsl lo usa per qualche mese, per poi utilizzarlo più saltuariamente (senza dati alla mano, è una mia opinione che potrebbe essere errata), iniziando a navigare tra grandi siti, come Repubblica, Corriere (che non si lasciano facilmente perchè danno sempre informazioni fresche), Kataweb, Yahoo e lo stesso Virgilio, Libero.it Poi, sempre attraverso questi portali, si incominciano a conoscere i motori di ricerca (Virgilio e Yahoo, nascono come motori di ricerca, Libero ha inglobato Arianna, in una operazione molto a simile a quella annunciata da Telecom Italia e prima o poi si arriva a Google. E si iniziano a fare ricerche mirate su quello che piace, magari mantenendo i contatti con la prima community che ci ha accolti in virgilio o yahoo ( ma che poi come tutti i contatti umani a distanza tendono a rarefarsi per i mille motivi della vita di tutti i giorni ), iniziando a girare per siti che si occupando di singole tematiche e se ne occupano bene, scrivendo contenuti sempre aggiornati e interessanti. E alla fine ci si dimentica anche dei contenuti Virgilio. Scommetto che uno dei servizi più utilizzati di Virgilio sia, oltre il motore di ricerca, la lettura della posta elettronica, ma le altre pagine quanto sono lette? Insomma, si tende a non capire che il pubblico di Internet è un pubblico che matura ( e normalmente matura velocemente ) e vuole usare Internet come strumento interattivo, molto spesso senza telecomando ( che fatica leggere la posta elettronica con il telecomando !) dove vuole essere lui il protagonista creando siti propri o quelli delle associazioni per cui fa volontariato, aprendo blog, dicendo la sua nei forum e nei commenti e, infine, aprendosi la mente con informazioni e news di qualunque genere senza limiti di orario, tempo, privacy, ecc, ecc Parliamoci chiaro: se io posso leggere le ultime novità da tutto il mondo sulle automobili su autoblog.it, dove a scrivere articoli, ci sono esperti e appassionati del settore, perchè dovrà andare su un portale generalista dove ci sono tre notizie in croce sulle auto, scritte "senza cuore" e che molte volte sono molto simili ai comunicati stampa delle stesse casa automobilistiche? Uguale discorso vale per le news e gli approfondimenti di tecnologia; perchè dovrei andare sui grandi portali quando ci sono siti come punto-informatico.it o webmasterpoint.org (scusate se sono di parte!). Certo troverà autoblog.it, punto-informatico.it o webamsterpoint.org è più difficile che trovare la "sezione auto" di un grande portale, ma come ho ripetuto diverse volte in questo articolo, bastano circa 6 mesi di uso medio di Internet, per fare "il salto" almeno su un un motore di ricerca... Comunque, sono convinto che Alice.it potrà diventare una ottima alternativa a Blockbuster, sempre che spediscano a casa con l´adsl un set-box; per i portali, lo ripeto, la vita la vedo sempre più dura (cosa ha fatto Clarence.it quando il suo fondatore se ne è andato??). Dopo questa lunga divagazione di carattere marketing-strategico, il nuovo Alice.it vedrà la luce tra la fine dell´anno e l´inizio del 2006, anche perchè i lavori sembrano già avviati. Durante l´intervento di Grijuela è stata, infatti, già mostrata una prima bozza di homepage con una certa impostazione grafica decisamente più simile a quella attuale di Virgilio che non alla sfavillante modernità di Rosso Alice. La pagina è abbastanza simile a quella di Virgilio con una colonna di sinistra che presenta il menu dei servizi e offre ampio spazio ai contenuti editoriali del portale, alle offerte di Telecom e alle offerte per lo shopping. L´intervento è stata mostrata anche un home page provvisoria. La pagina è abbastanza simile a quella di Virgilio con una colonna di sinistra che presenta il menu dei servizi e offre ampio spazio ai contenuti editoriali del portale, alle offerte di Telecom e alle offerte per lo shopping. Nel suo intervento Ramon Grijuela ha anche annunciato che nel primo semestre del prossimo anno Telecom Italia renderà disponibile un accesso ADSL a 10-12 Megabit. Chiaramente, aggiungiamo noi, l´offerta sarà accompagnata da una lunga serie di asterischi (solo nelle zone raggiunte dal servizio, solo previa verifica della qualità del cavo, solo in assenza di congestione della rete, solo...), ma a livello psicologico è un significativo pareggio con le prestazioni della più moderna fibra ottica. Cosa farà Fastweb per conservare il ruolo di provider veloce per antonomasia? FONTE: webmasterpoint.org,

Condividi