Secondo le stime di Agriturist, gli ospiti che trascorreranno due o tre notti, nel periodo di Capodanno, nelle aziende agrituristiche, saranno circa 120 mila, cioè pressocchè "il

Secondo le stime di Agriturist, gli ospiti che trascorreranno due o tre notti, nel periodo di Capodanno, nelle aziende agrituristiche, saranno circa 120 mila, cioè pressocchè "il pieno". E almeno 400 mila siederanno intorno alla tavola di campagna per il Cenone di San Silvestro. Per Natale e l´Epifania si prevedono altri 60 mila alloggiati. Il sito internet dell´Agriturist registra, nella prima metà di dicembre, una netta preferenza verso la Toscana, con maggiore attenzione per le province di Siena e Firenze, e quindi per la combinazione "agriturismo-città d´arte". Dopo la Toscana, la Sicilia (soprattutto per le province di Palermo e Catania), seguita da Lazio (Roma e Viterbo), Umbria ed Abruzzo (L´Aquila e Teramo). Quest´ultima scelta evidenzia l´orientamento anche verso località montane. Se si prende in esame la domanda verso le singole province, oltre a Siena e Firenze che si contendono i primi due posti, in evidenza Perugia, seguita da Palermo e Roma. I menu dei cenoni di San Silvestro, anche grazie ad una specifica campagna di Agriturist che mira a privilegiare i prodotti propri, i prodotti di stagione e comunque i prodotti tipici del territorio certificati DOP e IGP, presentano una straordinaria rassegna di ricette "di terra" per lo più tradizionali, anche se non mancano interessanti esperimenti innovativi. Lo spumante italiano sarà protagonista incontrastato dei brindisi, e non potrebbe essere diversamente. L´offerta di dolci non farà mancare il panettone (spesso fatto in casa), ma in evidenza saranno soprattutto i dolci tradizionali preparati con frutta secca, miele e gli aromi più diversi. Moderata soddisfazione da parte degli operatori: si constata la ormai consolidata tendenza per i soggiorni brevi, si accoglie positivamente il raggiungimento, ormai quasi certo, del tutto esaurito, ci si chiede se si tratti di un effetto dei sacrifici sostenuti dagli ospiti nell´estate scorsa, oppure della premessa per una ripresa del turismo nel 2006. FONTE: apacom,

Condividi