Cnel ed Eurisko hanno realizzato un´indagine sull´utilizzo della Rete da parte degli italiani. Dai dati emerge che in Italia ci sono 12,7 milioni di navigatori, 1,

Cnel ed Eurisko hanno realizzato un´indagine sull´utilizzo della Rete da parte degli italiani. Dai dati emerge che in Italia ci sono 12,7 milioni di navigatori, 1,7 in più rispetto a due anni fa; il 27% degli italiani si collega a Internet almeno una volta ogni tre mesi, mentre naviga abitualmente ogni settimana il 17% degli utenti, pari a 8,2 milioni di persone. Rispetto perà agli altri Paesi europei e agli Stati Uniti, la diffusione del web in Italia è ancora bassa. Infatti nella classifica sul maggior numero di utenti della Rete gli Usa si trovano al primo posto con il 72% della popolazione, seguiti da Gran Bretagna con il 50%, Germania con il 43%, Francia con il 37% e Spagna con il 22%. L´Italia supera il 30% al Nord e al Centro, mentre si aggira sul 18,7% al Sud e nelle isole. Confrontando i dati a livello regionale, è la Lombardia ad aggiudicarsi la prima posizione con il 36,6% di navigatori; seguono Marche-Umbria con il 33,5%, Liguria ed Emilia Romagna con il 32,9%, Toscana con il 32,2% e il Triveneto con il 28,4%. I navigatori italiani si collegano a Internet soprattutto da casa, 8,5 milioni di persone, ma anche dal posto di lavoro, oltre 3,8 milioni, o da casa di amici, 3.320.000. La maggioranza degli utenti del web è rappresentata da ragazzi e da uomini fino ai 35 anni. Tra gli uomini si collega alla Rete il 32,8%, mentre fra le donne il 20,4. Nel 57,3% dei casi si tratta di persone giovani, di età compresa fra i 14 e i 25 anni, seguiti dalla fascia d´età fra i 25 e i 34 anni, con il 43,35%, e dalla fascia fra i 35 e i 44 con il 28,3%. Oltre i 44 anni la percentuale si riduce al 7,9%, anche se l´utilizzo di Internet fra i pensionati è un fenomeno in via di sviluppo. Gli italiani utilizzano principalmente la Rete per leggere la propria posta, ben l´80% degli utenti, per cercare informazioni, il 57%, per motivi di studio, il 37%, per scaricare programmi, il 33%, per leggere le ultime notizie, il 32%, per ricerche bibliografiche il 20% e poi per ascoltare musica (19%), per conoscere persone nuove (17%), per usufruire di servizi bancari (15%), per effettuare prenotazioni (9%) e solo il 7% per effettuare acquisti on line. Chi compra dal web, opta soprattutto per libri, cd, hardware, biglietti, servizi di telefonia cellulare. Nel mondo delle imprese, Internet è uno strumento sempre più diffuso: il 69% ha una connessione e il 32% ha un sito, soprattutto per fornire informazioni sui propri prodotti e servizi. Anche le imprese utilizzano il web soprattutto per la posta elettronica, il 93%, o per cercare notizie, generali, il 72%, ma anche sui propri o su potenziali fornitori, 82%. Le aziende che fanno acquisti on line, il 16%, ricorrono alla rete per acquistare prodotti dell´Ict, il 45%, materie o semilavorati, il 38%, servizi bancari o finanziari, il 31%, servizi di viaggio, il 24%, e macchine utensili o per l´ufficio, il 19%. (Basilicatapress.com),

Condividi