Secondo i dati comScore Inc relativi al mese di ottobre e al territorio statunitense, è sempre Google il re dei motori di ricerca. La vera notizia, tuttavia, riguarda la sua quota

Secondo i dati comScore Inc relativi al mese di ottobre e al territorio statunitense, è sempre Google il re dei motori di ricerca. La vera notizia, tuttavia, riguarda la sua quota di mercato, aumentata dell´1,5% a discapito di tutti gli altri concorrenti, che prendono sonore batoste. Il colosso di Mountain View catalizza il 58,5% delle ricerche sul territorio americano, lasciando dietro di sè un abisso. Come accennavamo all´inizio, la quota di mercato relativa a settembre era pari a circa il 57%. Yahoo è al secondo posto con una quota del 22,9%, in discesa dello 0,8%, mentre Microsoft passa dal 10,3% al 9,7%. Secondo l´analista di Credit Suisse, Heath Terry, "la ricerca è un mercato monopolistico, e ci aspettiamo che nel tempo Google continui a crescere fino a raggiungere il 100 percento". Nel mese di ottobre Google è stato utilizzato dagli utenti americani per 6,1 miliardi di ricerche, su un totale di 10,5 miliardi. Intanto, giusto per fare mettere ancora più sotto pressione la concorreza, Google ha messo a disposizione "Ricerca Personalizzata", una soluzione che permette d´integrare con facilità la sua tecnologia di ricerca all´interno del proprio sito web. Con 3 semplici operazioni, in meno di 10 minuti sarà possibile usare questa nuova funzione per ricercare contenuti all´interno del proprio sito, community o blog. Tutte le informazioni per attivare il servizio sono riportate al seguente link. Sono disponibili due versioni di Google Ricerca Personalizzata: gratuita, con pubblicità attiva, e Business, più personalizzabile e con opzione di supporto da parte di Google. (tomshw.it) ,

Condividi