E´ sempre più chiara la via che porterà, da qui a fine anno, ad Internet Explorer 8, il browser di nuova generazione di casa Microsoft. Sul finire di luglio un post nel blog

E´ sempre più chiara la via che porterà, da qui a fine anno, ad Internet Explorer 8, il browser di nuova generazione di casa Microsoft. Sul finire di luglio un post nel blog IEBlog a firma della Program Manager Allison Burnett chiamava a raccolta i beta tester in previsione di una nuova versione di sviluppo, che dovrebbe debuttare a breve: l´obiettivo dichiarato è quello di avere un buon numero di feedback da parte degli utenti e sgrezzare di conseguenza il codice. Finora, il solo modo di sottoporre un bug all´attenzione del team di sviluppo di Internet Explorer prevedeva il passaggio attraverso Microsoft Connect; adesso è possibile farlo con un indirizzo e-mail dedicato allo scopo. La nuova beta, che segue quella presentata a marzo in occasione del Mix 08 di Las Vegas, promette un migliore supporto ai fogli di stile Css - il che impatta sul modo di sviluppare pagine Web da parte dei web designer - ma anche, e forse soprattutto, sul fronte privacy. Le funzioni dedicate alla privacy, infatti, si annunciano consistenti, e più granulari di quelle attualmente in uso su Explorer 7: vengono descritte da un post a firma Andy Zeigler, Program Manager, su IEBlog. In particolare, l´opzione di navigazione privata - chiamata InPrivate Browsing - fa sì che Explorer non salvi nessun cookie, password o informazione immessa nella barra degli indirizzi, le ricerche effettuate e la cronologia durante la sessione "privata". InPrivate Browsing, tra l´altro, tiene traccia delle informazioni di navigazione raccolte dai server Web e blocca in automatico le informazioni che vengono condivise su più di dieci siti; l´utente, in ogni caso, puà scegliere quali contenuti bloccare e quali permettere, e avere informazioni sui contenuti esterni. Explorer 8, infine, promette di cancellare le proprie tracce in maniera più semplice: gli utenti possono scegliere se cancellare la cronologia e i cookie o mantenere questi ultimi per i siti Web più frequentemente visitati, aggiungendoli a una sorta di lista preferiti. Con l´attuale Explorer, c´è il bisogno di ricorrere a strumenti di terzi, perchè la rimozione dei cookie non è certo immediata. FONTE: MYTech,

Condividi