La prima città a dotarsi di WiMax in Italia è stata Bari, con la rete realizzata da Linkem in collaborazione con l´emittente pugliese Telebari. Linkem è una delle aziende

La prima città a dotarsi di WiMax in Italia è stata Bari, con la rete realizzata da Linkem in collaborazione con l´emittente pugliese Telebari. Linkem è una delle aziende che si sono disputate l´asta per l´assegnazione delle licenze WiMax. Un´altra protagonista di questo nuovo mercato è Aria, che si è aggiudicata il blocco nazionale delle frequenze liberate nel marzo del 2007 dal Ministero della Difesa. L´alternativa wireless all´ADSL tradizionale sembra essere partita sul serio. E arrivano nuovi operatori e nuove offerte. Come Freemax, giovane operatore toscano costituitosi nel 2007, che porterà i suoi servizi prima a Livorno, Pistoia, Camaiore, Piombino e Massarosa e, nel giro di due anni, ad altre 100 città in Toscana, per offrire banda larga in WiMax a un terzo della popolazione della regione. L´offerta Freemax propone la navigazione in Internet senza limiti di tempo e di traffico e la possibilità di ricevere ed effettuare telefonate anche in assenza della linea tradizionale. Il tutto a prezzi decisamente convenienti e senza una durata minima obbligatoria di contratto. Tre le formule di abbonamento previste e pensate per le famiglie e le piccole e medie imprese. «Internet con te»: accesso a Internet a banda larga 24 ore su 24 al costo di 19,89 euro al mese (IVA inclusa). «Internet con te voce»: Internet a banda larga 24 ore su 24 e chiamate illimitate dal telefono di casa verso tutti i numeri fissi italiani al costo di 29,89 euro al mese (IVA inclusa). «Internet con l´azienda»: vasta gamma di accessi a Internet simmetrici con banda garantita da 1 Mbps a 100 Mbps. E dalla Toscana spostiamoci all´Emilia Romagna, dove si fronteggiano Aria, Retelit e Acantho, azienda partner di Infracom. Quest´ultima inizierà a installare le antenne WiMax proprio in questo mese, per raggiungere le aree intorno a Imola, Bologna e Modena, con l´obiettivo di arrivare ad almeno 100 antenne in due anni, con un raggio d´azione di 10 chilometri ciascuna. Retelit, che offre già WiMax a Parma, tra il 2009 e il 2010 vuole raggiungere tutte le aree in cui non arriva l´ADSL in Emilia Romagna e in Lombardia. Aria, invece, porterà 300 antenne per fornire Internet a banda larga a circa 60 mila utenze delle aree appenniniche, quelle più colpite dal digital divide. FONTE: WEBmasterpoint.org

Condividi