Su una delle più famose reti "peer to peer", quelle usate principalmente per scaricare film, musica e software, non del tutto legalmente, è arrivata da poche ore anche la versione

Su una delle più famose reti "peer to peer", quelle usate principalmente per scaricare film, musica e software, non del tutto legalmente, è arrivata da poche ore anche la versione «beta» di Windows 7, il prossimo sistema operativo della Microsoft, con largo anticipo sulla "release" ufficiale. La notizia si è sparsa velocemente sulla rete ed è approdata sui siti della stampa specializzata. Di per sè il fatto non è eclatante, questo tipo di «anticipazioni», non gradite da Microsoft, è avvenuto spesso. Ma c´è grande attesa tra gli utenti per questo nuovo sistema operativo che dovrebbe rimpiazzare XP e, soprattutto, Vista e questa distribuzione non autorizzata sembra aver avuto maggior risalto che in passato. Chi non ha fretta e soprattutto vuole fare le cose a norma di legge, per avere un "assaggio" significativo del nuovo programma dovrà aspettare quasi certamente solo fino al 9 gennaio, quando, al Ces di Las Vegas è in programma l´intervento di Steve Ballmer, il Ceo di Microsoft, che verterà sicuramente sul nuovo sistema operativo. E secondo il portale Usa Cnet News, la "release" della nuova e più completa versione - non ancora definitiva - di Windows 7, dovrebbe avvenire a poche ore di distanza. Per chi invece non ce la fa ad aspettare ci sono i motori di ricerca di BitTorrent, che perà sono a rischio di «malware». Il file che circola in rete, a quanto pare, è in formato «Iso» (già pronto, cioè, per essere masterizzato come Dvd) che contiene la versione M1 (Build 7000), la più completa finora, rispetto alle versioni rilasciate precedentemente, con quasi tutte le funzioni attive. La Beta 1, infatti, dovrebbe essere una vera e propria "pre-release" della versione commerciale, che, secondo il parere generale degli addetti ai lavori, dovrebbe arrivare a giugno o luglio. Nei primi due giorni in cui le copie sono a disposizione su BitTorrent sarebbero già stati diecimila i download, totali o parziali, del programma. C´è da scommettere che nei prossimi giorni la rete sarà animata dai primi giudizi dei geek tecnologici. «Windows Seven» è stato definito come «un Windows Vista senza gli errori di Vista». Al contrario del suo predecessore è più veloce, versatile e funziona anche su computer poco potenti, secondo i risultati dei primi test. è anche molto personalizzabile. Tra le novità, presenta anche una «taskbar», la barra che compare alla base dello schermo con i programmi in funzione, molto innovativa rispetto al passato e che non ha mancato di suscitare qualche perplessità. «Abbiamo imparato molto da Windows Vista» ha detto in una recente intervista Mike Nash, vice presidente di Microsoft. «Il nostro approccio a Windows 7 è stato improntato a questa esperienza». (P. Sold.)

Condividi