Per le societŕ di nuova costituzione č stato previsto l´obbligo di munirsi di un indirizzo di posta elettronica certificata (P.E.C.)- da indicare nella domanda di iscrizione

Per le societŕ di nuova costituzione č stato previsto l´obbligo di munirsi di un indirizzo di posta elettronica certificata (P.E.C.)- da indicare nella domanda di iscrizione al Registro delle Imprese tenuto presso la Camera di Commercio. Le altre societŕ, quelle giŕ costituite, hanno invece 3 anni di tempo per comunicare l´indirizzo di posta elettronica alla Camera di Commercio. Sono invece esclusi dall´obbligo le ditte individuali anche se, come le societŕ, sono iscritte presso la Camera di Commercio. Anche i lavoratori autonomi, ovvero i consulenti i professionisti, ecc., sono interessati al nuovo obbligo. Ma non tutti. Infatti solo i lavoratori autonomi iscritti ad un albo professionale, come gli avvocati, commercialisti, geometri ecc., dovranno comunicare entro un anno la propria PEC nei confronti del proprio ordine di riferimento. Ma cos´č la P.E.C.? L´indirizzo P.E.C. č una casella mail in cui si ha l´assoluta certezza del titolare a differenza della posta elettronica ordinaria, quella che abbiamo usato fino ad oggi, per la quale vi č sempre il rischio che il destinatario o il mittente di un messaggio non sia chi dice di essere, rendendo tale tipo di comunicazione una soluzione insicura rispetto a forme di comunicazione piů tradizionali come la posta raccomandata o fax. La Posta Elettronica Certificata quindi č un sistema di comunicazione uguale alla posta elettronica standard a cui si aggiungono delle caratteristiche di sicurezza e di certificazione della trasmissione tali da rendere i messaggi opponibili a terzi. Le comunicazioni via P.E.C. sono destinate a sostituire progressivamente quelle in forma postale, con un enorme risparmio di costi per la Pubblica Amministrazione (e di carta per l´ambiente). NORMATIVA Iscrizione obbligatoria dell´indirizzo di Posta Elettronica Certificata nel Registro delle Imprese (d.l. 185/2008) L´art. 16, comma 6 del decreto legge 185/2008, entrato in vigore il 29/11/2008, prevede quanto segue: "Le imprese costituite in forma societaria sono tenute ad indicare il proprio indirizzo di posta elettronica certificata nella domanda di iscrizione al registro delle imprese....." Tale norma stabilisce evidentemente un obbligo di comunicazione al registro delle imprese per tutte le societŕ costituite dal 29/11/2008 in poi, da assolvere nel momento in cui viene richiesta la prima iscrizione della societŕ nel Registro delle Imprese, con l´indicazione dell´indirizzo della casella di posta elettronica certificata nel modello S1, riquadro 5 (software Fedra 6.0 o versioni equivalenti). In fase di prima applicazione ed in via transitoria, allo scopo di non rallentare la pubblicitŕ degli atti costitutivi nel periodo di fine anno, nel mese di dicembre saranno comunque evase le richieste di iscrizione di societŕ prive di indirizzo di posta elettronica certificata. La Posta Elettronica Certificata (o PEC) č facilmente acquistabile on line rivolgendosi ai soggetti abilitati dal CNIPA (vedi elenco in www.cnipa.it). Si fa presente inoltre che la casella di posta elettronica certificata viene attribuita gratuitamente (per un anno) e con immediatezza in seguito all´invio telematico del modello S1 con la "comunicazione unica per la nascita dell´impresa" (art. 9 legge 40/2007). Si invita pertanto ad utilizzare questo nuovo strumento. L´art. 16, comma 6 estende l´obbligo, concedendo tre anni di tempo, anche a tutte le societŕ "giŕ costituite" alla data del 29/11/2008. Si prevede infatti che: "Entro tre anni dalla data di entrata in vigore della presente legge tutte le imprese, giŕ costituite in forma societaria alla medesima data di entrata in vigore, comunicano al registro delle imprese l´indirizzo di posta elettronica certificata". La seconda parte della norma si applica sia alle societŕ giŕ iscritte nel registro delle imprese (in questo caso l´adempimento si effettua tramite il modello S2/riquadro5), sia alle societŕ giŕ costituite (alla data del 29/11/2008) ma non ancora iscritte. L´art. 16, comma 6 prevede infine che l´iscrizione del solo indirizzo di posta elettronica certificata nel Registro delle Imprese e le sue successive eventuali variazioni sono esenti dall´imposta di bollo e dai diritti di segreteria

Condividi