Nielsen Online ha pubblicato nella giornata di ieri le statistiche relative alla fine del 2008 (dicembre) sull´andamento del Web e di internet in generale. Facebook si

Nielsen Online ha pubblicato nella giornata di ieri le statistiche relative alla fine del 2008 (dicembre) sull´andamento del Web e di internet in generale. Facebook si conferma vincitore per le sue brillanti performance. Come facilmente immaginabile, il 2008 si è presentato come l´anno delle community, dei blog e dei social network, primo fra tutti Fabebook al quinto posto nella classifica mondiale dei siti più visitati, al sesto in Italia. I dati naturalmente non ci sorprendono, in quanto la tendenza dei giovani e degli adulti all´uso di internet come strumento di amicizia e condivisione è in perenne crescita. Ma diamo un po´ di numeri. Ciascun browser web ha trascorso online esattamente 26 ore e 11 minuti al mese in media, contro le 20 ore calcolate lo scorso anno. Gli utenti si sono collegati in media 33 volte e hanno visitato circa 82 siti, contro i 66 siti in 29 volte di accesso ad internet calcolato a dicembre 2007. Punto di riferimento per tutti gli internauti rimangono i motori di ricerca e i magazine di contenuti generalisti, ai primi posti nella lista, mentre i social network strappano la medaglia di bronzo alle mail. Dopo un primo successo e la parziale sostituzione alle lettere cartacee, le mail scivolano dalla terza alla quarta posizione, così come le news si spostano in ottava posizione (dalla sesta ottenuta del 2007). I tool di ricerca, come Wikipedia o Yahoo! Answers, entrano per la prima volta nella classifica occupando gli ultimi posti della top ten. Una posizione interessante è rappresentata dalla categoria dei rivenditori online, conseguenza dei buoni risultati ottenuti dallo shopping su internet, e siti dedicati alle aste al ribasso, come sintomo di una crisi economica diffusa. Facebook dunque si conferma il vero vincitore delle statistiche Nielsen del 2008 (con una crescita dal 2% al 45%), mentre vogliamo segnalare le performance di YouTube, da tre anni in corsa. FONTE: http://notebookitalia.it

Condividi