Google+ non è un altro social network, ma l´appendice social dell´intero universo di servizi e prodotti firmati Google. Che della ricerca online ha fatto il suo core

Google+ non è un altro social network, ma l´appendice social dell´intero universo di servizi e prodotti firmati Google. Che della ricerca online ha fatto il suo core business. Google+ deve essere considerato come l´appendice social dell´intero universo di servizi e prodotti firmati Google. Il core business dell´azienda di Mountain resta il search e l´advertising connesso al motore di ricerca. In ambito desktop e mobile. è evidente, quindi, che il Progetto Google+ non possa non avere ripercussioni nel mercato della ricerca online e in ottica SEO (Search Engine Optimization). Coglie nel segno l´analisi di Fabio Deotto di Wired.it, incentrata proprio sui cambiamenti che Google+ genererà nel settore della ricerca online. cè opportuno rimarcare che non ci si trova nel campo delle ipotesi. Deotto, infatti, riferisce di una dichiarazione ufficiale di Google resa al portale specializzato SearcEngineLand.com: «Il nostro obiettivo è che google.com/realtime includa le informazioni derivanti da Google+ insieme ad altri dati in tempo reale provenienti da una varietà di fonti». Ecco perchè Google non ha rinnovato l´accordo con Twitter per l´inclusione dei cinguettii nelle SERP, ed ecco perchè assumono un´importanza rilevante i widget sociali adottati dai webmaster. Deotto ricorda a tal proposito i risultati dello studio BrightEdge: è il pulsante +1 di Google ad aver registrato la crescita più rapida in termini di adozione rispetto al Mi piace di Facebook e al widget sociale di Twitter. Google parla di varietà di fonti. Tra queste, figurano le «tonnellate di dati sensibili di prima mano» condivisi dagli utenti di Internet attraverso gli strumenti social di Google+. Infine, Deotto ricorda il brevetto depositato da Google e denominato Social Search Engine, inerente ad un servizio Q&A (domande e risposte) integrato nelle SERP e destinato probabilmente a sbarcare anche su Google+.

Condividi